Eurovision Song Contest 1980

Eurovision Song Contest 1980. Informazioni, dati e curiosità sulla venticinquesima edizione dell’Eurovision Song Contest.

Data: 19 aprile 1980
Luogo: Congresgebouw, L’Aia (Paesi Bassi)
Paesi in gara: 19
Paesi esordienti: Marocco
Paesi rientranti: Turchia
Paesi ritirati: Israele, Monaco
Emittente organizzatrice: NOS
Conduttore:  Marlous Fluitsma con Hans van Willigenburg in Green Room
Votazioni: Giuria composta da 10 persone, 12 punti al primo brano classificato, 10 al secondo, 8 al terzo poi da 7 ad 1 fino al decimo. Da quest’anno vengono annunciati in ordine crescente
Audience: dato non comunicato | Per maggiori informazioni, consulta la nostra sezione Ascolti Eurovision anno per anno
Vincitore: Johnny Logan con “What’s another year?” (Irlanda)

Alan Sorrenti

Alan Sorrenti

L’Italia nell’edizione 1980. In gara: “Non so che darei”, Alan Sorrenti, sesto posto.
In TV: diretta Rete Due (ore 22) commento Michele Gammino, annuncio canzone Beatrice Cori, annuncio dei voti Mariolina Cannuli In Radio: non programmato.

Curiosità dell’edizione 1980: per la prima e unica volta, non è in gara il Paese campione in carica, in questo caso Israele. La tv dapprima declina l’organizzazione di una seconda edizione di fila (lo stesso fa la Spagna seconda classificata, i Paesi Bassi invece accettano), poi si ritira del tutto perché la data fissata coincide in Israele con la memoria dei caduti in guerra e delle vittime del terrorismo, il cosiddetto Yom Hazikaron.

L’edizione passa alla storia per la prima e unica partecipazione in gara del Marocco, la cui tv è membro dell’EBU: “Bitaqat khob” di Samira Bensaid chiude penultima.

Al posto dei “voltapagina”, ciascuna canzone è introdotta da una annunciatrice della tv che sta per gareggiare: per l’Italia c’è la compianta osimana Beatrice Cori, celebre “Signorina Buonasera

Il nome più importante in concorso è quello dei Telex. Band belga, uno dei gruppi di punta in Europa in quegli anni nel panorama new wave synth pop, il cantante Marc Moulin è colui che lancerà in Europa il fenomeno Lio. “Euro-Vision” è una chiara presa in giro della rassegna, incompresa dal pubblico nonostante sia il pezzo più contemporaneo in concorso: terzultimo posto.


Per consultare l’indice con le schede dedicate ad ogni singola edizione dell’Eurovision Song Contest, clicca qui.